PGP Key
Statistiche
Visite totali: 
Instagram



Carpe Diem

Carpe Diem. Se c'è una insegnamento che si possa trarre da questa giornata è proprio quello relativo alla locuzione tratta dalle Odi del poeta latino Orazio. Tutto nasce, come sempre, dal mio lavoro. Dal voler razionalizzare l'irrazionale. Vorrei raccontarvi la storia di G. G. è una donna di 42 anni, che questa mattina è giunta a Roma visto che vive fuori regione, per effettuare una ecografia. Un semplice controllo. Di quelli che si fanno senza troppe preoccupazioni. G. è venuta a Roma con il marito e m'immagino, perché non ho nessun tipo di conferma a ciò, che abbia lasciato a casa il resto della famiglia: probabilmente un figlio, i genitori, gli amici… Insomma, G. è in attesa della sua ecografia. Me la immagino, con il bottiglione di acqua per riempire la vescica, che sbuffa ad ogni sorso non riuscendo più a trattenere la pipì con vicino il marito che la sprona a resistere qualche minuto in più. G., finalmente, viene chiamata dalla dottoressa nel suo studio. Subito si alza dirigendosi verso lo studio ma immagino che sia tornata indietro in quanto, nella fretta, avrà lasciato le cartelle cliniche al marito e si sarà portata appresso la borsa. Insomma, torna indietro sicuramente per fare il contrario: portarsi le cartelle cliniche e lasciare la borsa al marito…. Improvvisamente qualcosa non va. Ha un mancamento. Si appoggia al muro, sembra svenire. G. tracolla a terra. G. non risponde, non respira…

Questo pomeriggio sono stato sbattuto violentemente contro l'incommensurabile caducità della vita. Quella fugacità non dettata da una malattia, da un incidente, da un comportamento autolesivo ma, solamente, da un cinico e impietoso evento del destino la cui prevedibilità è pari a zero. Qualcuno forse più bravo di me, ha già detto di "aggiungere vita ai giorni e non giorni alla vita". Insomma: qualità e non quantità. Correte ad abbracciare chi volete abbracciare. Dite "TI AMO" a chi se lo merita. Perdonate e fatevi perdonare. Viaggiate. Vivete. Divertitevi. Svegliatevi la mattina con un sorriso e salutate tutti. Non vi arrabbiate. Non rimanete adirati. Non aspettate domani per fare ciò che vorreste fare. Iniziate oggi. Domani potrebbe essere troppo tardi.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *