PGP Key

Statistiche

Visite totali: 
Instagram



Shock

In emergenza, lo shock, risulta essere un problema molto comune che richiede un'immediata diagnosi e un immediato trattamento. Viene solitamente definito da una combinazione di parametri emodinamici, da segni e sintomi clinici e, per quanto riguarda l'ambito ospedaliero, da valori di laboratorio anormali. Il primo passo, nel trattamento dello shock, è individuarne la causa in quanto ognuna prevede un trattamento diverso. Si individuano tre tipologie di shock:
  • Shock cardiogeno;
  • Shock ipovolemico;
  • Shock settico;
L'obiettivo della terapia è invertire, il più rapidamente possibile, l'ipoperfusione tissutale al fine di preservare la funzionalità degli organi.
Quadro clinico dello shock
  • Pressione sistolica: <90 mmHg
  • Pressione arteriosa media: <60 mmHg
  • Lattati: >4 mmol/L
 
Gittata cardiaca ridotta In ambito ospedaliero è utile misurare la gittata cardiaca. Un indice cardiaco ridotto (<2,2 L/min/m2) può essere indicativo per shock cardiogeno o ipovolemico.
Qui di seguito si riporta una tabella riepilogativa dei principali segni e sintomi dello shock
S. Cardiogeno S. Ipovolemico S. Settico
Polso
Pressione diastolica
↓↓↓
Estremità Fredde Fredde Calde
Refill letto ungueale Lento Lento Rapido
Pressione vv. giugulari
Crepitii respiratori
+++
-
-
Ritmo di galoppo
+++
-
-
Rx torace Cuore grande, Edema polmonare Ombra cardiaca diminuita Normale, fino a comparsa polmonite
Sede infezione identificabile
-
-
+++
 

DISCLAIMER
Il sito web lucamaresca.it contiene voci su argomenti medici, curativi, o riconducibili a pratiche con scopi terapeutici: non sussiste alcuna garanzia che le informazioni riportate siano accurate, corrette, precise o che non contravvengano alla legge. Inoltre, anche se l'informazione fosse da un punto di vista generale corretta, potrebbe non riferirsi ai sintomi manifestati da parte di chi legge. Ancora, persone diverse che presentino gli stessi sintomi molto spesso necessitano cure differenti, per via della complessità di alcuni casi clinici.
Le informazioni fornite su lucamaresca.it sono di natura generale e a scopo puramente divulgativo, pertanto non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico (ovvero un soggetto abilitato legalmente alla professione), o, nei casi specifici, di altri operatori sanitari (odontoiatri, infermieri, farmacisti, veterinari, fisioterapisti, etc.).
Le nozioni e le eventuali informazioni riguardanti procedure mediche, posologie e/o descrizioni di farmaci o prodotti presenti nelle voci hanno fine unicamente illustrativo e non permettono di acquisire la manualità e l'esperienza indispensabili per il loro uso o la loro pratica. La Legge italiana obbliga colui che osservi persone in condizione di rischio di vita a prestare soccorso nei limiti delle proprie capacità; si tenga però presente che manovre errate o inappropriate possono causare lesioni gravi permanenti o il decesso, e che di questi esiti infausti risponde chi sia eventualmente intervenuto.