Quando pensi che sia tutto finito; quando pensi che oramai sia andato tutto perduto, arriva lui: PhotoRec.

PhotoRec è un programma, gratis e libero, distribuito su licenza GNU General Public License(GPLV v2+), progrettato per percuperare dati file persi, inclusi video, documenti ed archivi da Hard Disk e CD Rom. Il nome deriva dall’inglese Photo Recovery ed indica il fatto che è assai efficace anche nel recupero di fotografie dalla memoria di macchine fotografiche digitali. Poiché PhotoRec ignora il formato di formattazione del supporto e va alla caccia diretta dei dati registrati, funziona anche nel caso di supporti gravemente danneggiati o riformattati. PhotoRec è abbinato a TestDisk, un’applicazione per recuperare partizioni perse su diversi sistemi di formattazione e per ripristinare dischi non più avvianti (bootable).

Avevo perso dati importantissimi. Con PhotoRec ho recuperato tutto. Ovvio, è importante che, nel momento in cui si capisce di aver cancellato dei dati , si smetta di utilizzare il supporto per evitare che il PC sovrascriva i dati e renda quindi di fatto impossibile il recupero.

Partiamo dall’installazione sotto linux (io uso Kubuntu, ed è disponibile nel repository ufficiale) insieme al pacchetto TestDisk:

sudo apt-get install testdisk

Successivamente basterà digitare nel terminale

sudo photorec

per far partire l’applicazione; otterrete questa schermata:

photorec1

Quello che vedete è l’indicazione dei dispositivi collegati al PC. Con le frecce selezionate il dispositivo dal quale recuperare i file (nel mio caso è selezionato il secondo, un HDD portatile da 250Gb). Cliccando su “Proceed” verrete reindirizzati alla scelta della partizione da controllare (all’interno del disco che avete scelto). Qui è possibile, oltre a far partire direttamente la scansione (cliccando su “Search”), anche andare a settare alcune opzioni di scansione.

photorec2

Vi sconsiglio, sopratutto se siete neofiti, di cliccare su “Options” in quanto andrete a modificare i valori relativi all’utilizzo di bassa memoria (per poter continuare ad utilizzare il PC mentre è in corso la ricerca), abilitare la modalità esperto (con ulteriori opzioni), ecc….

Quello che vi posso consigliare è, qualora conosciate il file da recuperare, di cliccare su “File Opt“e selezionare l’estensione corretta (su oltre 180 disponibili nel database) per restringere il campo di ricerca ai soli file di interesse.

A questo punto, non resta che cliccare su “Search” e proseguire nelle operazioni di recupero dei file.

Nella schermata successiva vi verrà chiesto di selezionare il tipo di partizione utilizzata:

photorec3

La prima voce (ext2/ext3) sono riservate a volumi utilizzati da Linux (di solito è l’HD principale all’interno del PC). Mentre l’altra voce (other) riguarda tutti gli altri tipi di partizionamenti utilizzati dagli altri sistemi operativi (NTFS per Windows, FAT per DOS, ecc..). Se dovete ricercare il file all’interno di un HD portatile, una penna USB o un CD, la vostra scelta “dovrebbe” ricadere sulla seconda. Qualora dobbiate ricercare un file all’interno dell’HD principale dove è installato Linux (quindi la prima scelta) vi ricordo che PhotoRec non può effettuare la ricerca su di una partizione montata. Avrete quindi la necessità di avviare linux da un liveCD e da qui eseguire Photorec.

Nella schermata successiva vi verrà richiesto se ricercare il file “solo” negli spazi liberi, oppure in tutto l’HD. Io consiglio la seconda (quindi selezionando l’opzione WHOLE):

photorec4

Nella schermata successiva vi verrà richiesto il percorso di destinazione del file recuperato (ovvero dove Photorec metterà i file che troverà). Io vi consiglio la cartella documenti, qualora dobbiate recuperare i file da qualche penna USB o CD. Una volta che la scelta è stata effettuata, basta confermare con “C“:

photorec5A questo punto partirà direttamente la ricerca dei file cancellati:

photorec6

Armatevi di santa pazienza e fate partire la ricerca quando vi è più comodo… il processo impiegherà parecchio tempo (la mia esperienza personale è stata 2Tb circa 17ore). Al termine della procedura, potrete trovare nella cartella di destinazione scelta prima tutti i file cancellati e recuperati dal programma.

Quando si dice un programma ben realizzato… 😉






Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie di profilazione e di terze parti da parte nostra. Maggiori informazioni.

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi